www.giornalelirpinia.it

    26/05/2015

Politica

Consiglio: sì ai debiti fuori bilancio, rinvio sul consuntivo

Consiglio: sì ai debiti fuori bilancio, rinvio sul consuntivo

AVELLINO – Sono andate deluse, questa sera, le attese dei consiglieri comunali di Avellino che speravano in una seduta veloce, che consentisse loro di seguire in diretta televisiva la semifinale di Champions League tra Real Madrid e Juventus. A mettersi di traverso è stato il consigliere Preziosi (peraltro l’unico dell’opposizione a restare in aula fino alla fine dei lavori) con una serie di pregiudiziali su un congruo elenco di debiti fuori bilancio da approvare. È stata necessaria anche una riunione fra i capigruppo, prima di poter procedere con una certa speditezza. Sia il dirigente del servizio di ragioneria, sia il segretario generale hanno assicurato l’aula sulla legittimità dei provvedimenti (la cui mancata approvazione avrebbe anzi comportato ulteriori oneri per il Comune) e si è quindi potuto procedere con maggiore speditezza. Quasi tutte le pratiche sono state approvate con il voto della maggioranza, mentre il consigliere Preziosi si dichiarava contrario. Alcune pratiche sono state rinviate a domani sera, quando si concluderà la due giorni consiliare con la votazione del bilancio consuntivo.

Numerose sono state ieri anche le interrogazioni. Sull’abbattimento del cedro di Piazza Libertà ha chiesto spiegazioni il consigliere Giancarlo Giordano e l’assessore ai Lavori pubblici, Dino Preziosi, ha spiegato che il cedro era irrimediabilmente malato, come comprovato dalla perizia, con relativa tomografia, di un tecnico incaricato dal Comune. Tale situazione – ha spiegato l’assessore – era ben nota al comitato di cittadini che chiedeva la salvezza del cedro né è mai stata presentata una controperizia.

A rassicurare il consigliere Cicalese, che lamentava la scomparsa dei cosiddetti “nonni civici” dagli ingressi delle scuole, è stato l’assessore alle Politiche sociali, Stefano La Verde. Il servizio – ha spiegato – è stato sospeso quest’anno anche per motivi economici, ma sarà senz’altro ripreso con l’inizio del prossimo anno scolastico.

Sulla manutenzione del verde pubblico e soprattutto sul crono programma dei lavori da eseguire ha dato, infine, ampie rassicurazioni l’assessore Giuseppe Ruberto. Ogni mese, egli ha detto, saranno rese note le zone della città dove si procederà con i lavori di sistemazione, sfoltimento e pulizia del verde pubblico.

In apertura di seduta, poi, la consigliera di opposizione Monica Spiezia si è dichiarata indipendente dal gruppo di Forza Italia.

 

È guerra di manifesti, Aufiero contro Ruggiero

È guerra di manifesti, Aufiero contro Ruggiero

AVELLINO – «Uno scherzo di pessimo gusto o, ancor meglio, una mancanza di rispetto. Solo così può essere definita la “sorpresa” trovata stamattina sul balcone della sede del comitato elettorale Tonino Aufiero, candidato nella lista “Noi Sud” con Caldoro presidente. Probabilmente stanotte – si legge in un comunicato di Antonio Aufiero, sindaco di Pratola Serra, candidato di Noi Sud alle elezioni regionali – ignoti, ma sicuramente sostenitori di Antonia Ruggiero, con una scala o un carro ponte, hanno affisso sullo striscione che riporta il nome del sindaco di Pratola Serra manifesti dell’altra candidata nella lista Caldoro, consigliera uscente. Tutto questo sul balcone della sede del comitato, situato presso il Corso Vittorio Emanuele 253 ad Avellino, proprio al piano inferiore della sede del comitato della candidata Ruggiero. Verrà sporta immediata denuncia».

È appena il caso di ricordare che i due contendenti in campo sono entrambi schierati nella coalizione di centrodestra a sostegno del presidente Caldoro.

Solimine: «Il giudizio di Renzi su Caldoro? Vinceremo per merito nostro»

Solimine: «Il giudizio di Renzi su Caldoro? Vinceremo per merito nostro»

SANT’ANGELO DEI LOMBARDI – “Dovrei essere contento di questo giudizio così tranciante espresso da Renzi nei confronti di De Luca e a favore di Caldoro, ma non è così.  La cosa mi turba notevolmente perché si conferma quello che sto sostenendo da tempo, cioè che questo è un modo barbaro di intendere la politica; che Caldoro fosse una persona seria corretta e competente ne ero convinto, per questo mi sono candidato con la sua coalizione, ma che l'immagine che si dà della politica ai cittadini è semplicemente squallida è altrettanto vero. Non è solo una questione di presenze discutibili in una lista, la gravità diventa ancora di più amplificata perché attraverso l'azione di denigrazione non ci si rende conto che i cittadini si sono allontanati dalla politica proprio per lo schifo o, come ha detto il Santo Padre, "la politica spuzza" e la spuzza si riversa direttamente su chi, come me, ci sta mettendo la faccia accettando il confronto con i cittadini.

Una buona e operosa politica passa attraverso la riconciliazione con il proprio mondo e la riconciliazione è sinonimo di assunzione di responsabilità e di riconoscimento dei propri errori. Noi vinceremo con Caldoro presidente non per demeriti degli altri, ma per merito nostro se saremo riusciti a riconciliarci con la nostra gente”.

È quanto ha dichiarato nel corso di un incontro elettorale svoltosi oggi a Sant’Angelo dei Lombardi l’ex sindaco di Trevico, Giuseppe Antonio Solimine, già consigliere provinciale, candidato al Consiglio regionale della Campania nella lista Popolari per l’Italia a proposito delle dichiarazioni del presidente del Consiglio Renzi su Caldoro.

Solimine e gli altri candidati irpini di Popolari per l’Italia, vale a dire Elisa Candela, Luigi Manganiello e Carla Ramora, prenderanno parte sabato prossimo, alle 10.00, presso il centro sociale "Samantha Della Porta" in via Morelli e Silvati, alla manifestazione elettorale e conferenza stampa di presentazione del programma. Saranno presenti l’ex segretario generale dell’Ugl Giovanni Centrella e i parlamentari Mario Mauro, Potito Salatto e Enzo Rivellini.

Todisco: «Spero di essere eletto e di far valere le mie impresentabili idee»

Todisco: «Spero di essere eletto e di far valere le mie impresentabili idee»

AVELLINO – «Ho letto con sgomento le parole di apprezzamento del presidente del Consiglio Matteo Renzi nei confronti del governatore uscente Stefano Caldoro. Da candidato nella lista “De Luca presidente” sono convinto che bisognerebbe mettere un po' di ordine nelle idee. Non le mie che sono abbastanza chiare, ma in quelle di questa coalizione. Non bastasse la polemica, giusta e fondata, sulla qualità delle liste collegate e anche di partito, perché anche nel Pd campano ci sono nomi non proprio immacolati, adesso ci troviamo di fronte a elettori che ci chiedono chi sia il nostro candidato presidente. Non possiamo tenere separate le due questioni: da un lato gli impresentabili, dall'altro la necessità di chiarezza politica. Non posso accettare che addirittura il presidente del Consiglio elogi il buon governo del presidente della Regione uscente, quando noi sul campo stiamo perdendo la voce a spiegare perché i trasporti non funzionano, perché la sanità è ridotta ai minimi termini, perché non esiste una politica industriale e di sviluppo, perché in Campania abbiamo il più alto tasso di disoccupazione giovanile».

Replica con fermezza Francesco Todisco, in campo per il Consiglio regionale della Campania, dichiarazioni rilasciate dal premier Renzi sugli “impresentabili” inseriti nelle liste a sostegno del candidato alla presidenza regionale Vincenzo De Luca.

«Anche io – sottolinea Todico – sarei un impresentabile. Lo sono stato per il mio partito, in quanto portatore di idee diverse. E i portatori di idee diverse vivono un brutto momento nel Partito democratico a tutti i livelli, tra quanti aleggiano una scissione e tra quelli che minacciano epurazioni».

Candidato nella lista “Per De Luca presidente” dopo le ormai note vicende legate all’assemblea provinciale del Pd, Todisco precisa: «Come si fa a stare con De Luca e come si fa a stare con il Pd? Io non so se starò sempre dalla parte di De Luca. Condivido alcune sue idee, altre un po' meno, altre decisamente no. E allo stesso modo del Partito democratico condivido alcune idee, altre un po' meno, altre decisamente no. E dovrei rinunciare? Dovrei andarmene? Dovrei smettere di lottare perché nelle liste ci sono impresentabili? Ebbene, no. Ho tutto il diritto di candidarmi, di sperare di essere eletto e di far valere le mie impresentabili idee».

Aldorasi, Ncd: «Pensiamo al futuro dei nostri giovani»

Aldorasi, Ncd: «Pensiamo al futuro dei nostri giovani»

AVELLINO – “Mi candido per dare voce alla gente irpina ma anche per ascoltarla in modo continuo. Sono convinta che la politica sia soprattutto partecipazione attiva dei cittadini. I risultati si ottengono soltanto se si lavora insieme, se si fa sistema. Non possiamo trinceraci dietro le nostre posizioni; l’ascolto, in particolare dei giovani, è il compito principale di chi fa politica. Il politico deve proporre una rappresentanza partecipata e rendicontata per mettere tutti al corrente di quello che si fa”.

È quanto ha dichiarato questa mattina al circolo della  stampa Angelina Aldorasi, candidata al Consiglio regionale con il Nuovo centrodestra a sostegno di Caldoro presidente, al convegno organizzato dal Comitato regionale Spazio aperto presieduto dal professore Vincenzo Martone sul tema “Lo sviluppo programmato unitario del territorio delle province di Avellino-Benevento-Salerno”.

“Portare sviluppo e crescita nelle nostre meravigliose aree interne – ha detto ancora Aldorasi – ma soprattutto portare all’attenzione dell’agenda politica regionale le nostre terre. Zone che hanno bisogno di rappresentanza, di ascolto e di una Regione che sia vicina e che ne sostenga lo sviluppo. Nodo cruciale sicuramente l’occupazione, in quanto quella giovanile ha raggiunto dei livelli non più sostenibili. Abbiamo bisogno che i nostri giovani non vadano via dalle nostre terre e che il loro capitale umano venga speso qui affinché possa portare ricchezza e non povertà o spopolamento”.

“Spero che tutti si rechino al voto. L’astensionismo credo sia una cosa non giustificabile, non aiuta la politica e non aiuta i territori a crescere. Davanti a noi abbiamo cinque anni fondamentali, cruciali: non sprechiamo quest’occasione”.

Presente all’incontro il presidente di Confindustria, Sabino Basso, premiato dall’Aldorasi con il “Lupus”.

Pagina 10 di 315

DG3 Dolciaria

Geoconsult

Condividi


www.puhua.net www.darongshu.cn www.fullwa.com www.poptunnel.com